Madonna in Givenchy e Philip Treacy: da Super Bowl a Super Owl.

Scritto da: il 06.02.12
Articolo scritto da . Sono Violetta, aka almostviola, aspirante dottoressa in Legge ma con molteplici passioni tutt’altro che giuridiche. Lettrice accanita di Glamour e simili, personal shopper di familiari e amici, violinista (al momento) a riposo, sperimentatrice in cucina, nel tempo libero blogger e fotografa specializzata in macro e assidua frequentatrice di librerie…in tutto faccio particolare attenzione al dettaglio: la presentazione di un dolce, l’accessorio giusto rispetto all’insieme, il particolare da cogliere in una foto. Spesso affetta da shopping compulsivo!!

Lady Gaga e Rihanna avanzano a grandi passi, ma la Regina del Pop difficilmente si lascia scalzare dal trono. Così Madonna diventa protagonista di uno degli spettacoli di metà partità del Super Bowl più visti e chiacchierati degli ultimi anni (il più visto esattamente dal 2003).  Molti arrivano persino a dire: “Pare ci sia stata anche una partita come contorno  e a corredo del concerto di Madonna”, proprio perché l’evento musicale ha quasi soppiantato quello sportivo di cui era ospite.

12 minuti di concerto in cui Madonna ha unito musica (con pezzi storici risalenti agli anni del Walkman fino a quelli recenti),  spettacolo e fashion, così come solo lei sa fare. Arriva su un carro trionfale, trainato da legionari che sembrano di ritorno dalla campagna d’Egitto e spunta fuori in un lungo mantello d’oro con applicazioni in metallo dorato, borchie e paillettes, insieme ad un copricapo Philip Treacy, il maestro in questo campo, a forma di testa di gufo o civetta.

Immagine anteprima YouTube

A questo punto il Super Bowl diventa il Super Owl di Madonna: quasi come una semi-divinità egizia canta e si esibisce in mezzo a ballerini scatenati che ripropongono figure della mitologia greca e romana (c’è pure il ballerino-Cupido con le sneakers alate di Jeremy Scott).

Gli abiti di Madonna sono stati creati da Riccardo Tisci per Givenchy: dopo il mantello d’oro si passa ad un minidress nero abbinato ad un mini-mantello leopardato e ad una larga cintura in pelle ricamata a mano e con borchie e applicazioni,

e poi ancora arriviamo al cappotto lungo nero in cady di seta con paillettes quadrate lucide per chiudere l’esibizione. Fabulous.

Ecco i bozzetti di Riccardo Tisci per gli abiti di scena.
Il Super Bowl, con Madonna, non è mai stato così spettacolare, in un’atmosfera per niente sobria e in un mood a metà tra il cheerleading e il trionfale.

Sul palco c’erano anche i co-performer: LMFAO, MIA, Nicki Minaj e Cee Lo Green, ma del loro look parleremo in un altro post.

Menzione speciale, infine, per i ballerini di Madonna, sempre molto apprezzabili fin dai tempi di Vogue e quasi ai livelli dei modelli di Dolce&Gabbana!

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple